PERCHÉ FEDERER HA SCELTO MADRID

PERCHÉ FEDERER HA SCELTO MADRID

Federer ha scelto Madrid per prepararsi a Roland Garros. Tuttavia, una sconfitta prematura potrebbe indurlo a partecipare anche al torneo di Roma. Tuttavia, non dovesse iscriversi, avrebbe bisogno di una wild card, inviti tradizionalmente riservati ai giocatori italiani. Ma si potrebbe rifiutare la richiesta di ErreEffe?

Adesso Piqué cita la "magia" della Davis...

Adesso Piqué cita la "magia" della Davis...

Surreale presentazione della nuova “Coppa Davis” firmata Kosmos. Gerard Piqué cita la storica frase di Martin Luther King e poi “dimentica” quello che si diceva mesi fa: “Bisogna pensare alle squadre e meno ai giocatori. E comunque la presenza di Nadal è più che sufficiente”. La prima edizione si terrà dal 18 al 24 novembre 2019.

La Davis si giocherà alla Caja Magica

La Davis si giocherà alla Caja Magica

Il “Comitato Direttivo” della Coppa Davis ha stabilito che il nuovo evento si giocherà a Madrid. Per il 2019 si resterà nella sede del Mutua Madrid Open, poi l'anno successivo sarà preso in considerazione il Wizink Center. È molto triste che si giochi laddove è già ospitato un ricco torneo ATP-WTA, e non è detto che il campo di partecipazione sia straordinario.

La Davis verso Madrid... con il sogno Federer

La Davis verso Madrid... con il sogno Federer

Nei prossimi giorni, l'ITF ufficializzerà la sede della nuova competizione. Tutto fa pensare che si giocherà a Madrid nel 2019 e nel 2020. Incertezza sulla data e sulle possibili wild card: si vocifera di un possibile invito alla Svizzera, a patto che ci sia Roger Federer. Lo scenario dovrebbe chiarirsi durante il Masters.

Caro Federer, adesso è troppo tardi...

Caro Federer, adesso è troppo tardi...

A un paio di settimane dallo scempio di Orlando, Roger Federer manifesta le sue perplessità sulla riforma della Coppa Davis. Guarda caso, lo fa appena circola voce che la manifestazione di Gerard Piqué potrebbe tenersi a settembre, intralciando la “sua” Laver Cup. Perché non ha fatto sentire la sua voce quando era ancora in tempo?

La nuova “Davis” a Madrid. Volete sapere perché?

La nuova “Davis” a Madrid. Volete sapere perché?

Sembra tutto definito per la nuova Coppa Davis: Madrid avrebbe superato la concorrenza di Lille. Sarebbe il prezzo da pagare alla federtennis spagnola: inizialmente contraria alla riforma, sarebbe stata convinta a votare “sì” in cambio di ospitare l'evento fino al 2020. Si giocherebbe sia alla Caja Magica che nella moderna Wizink Arena.

Madrid vuole un nuovo stadio da 8.000 spettatori

Madrid vuole un nuovo stadio da 8.000 spettatori

È la richiesta avanzata all'amministrazione comunale, perché l'ATP “vuole più pubblico” per i Masters 1000. Le trattative sono appena iniziate: il nuovo stadio costerebbe tra i 12 e i 25 milioni (la forbice dipende dalla presenza del tetto). Tuttavia, sembra che il consiglio comunale voglia mantenere il torneo alla Caja Magica.

La maledetta sfortuna di Javier Marti

La maledetta sfortuna di Javier Marti

Cinque operazioni al gomito in cinque anni, le ultime due racchiuse in 48 ore, hanno svuotato la forza interiore di Javier Marti. Da ragazzino lottava alla pari con Tsonga ed era al livello di Carreno Busta, ma dopo due faticose ricostruzioni oggi sta pensando di mollare, ad appena 26 anni. Tra le opzioni future c'è il padel.

Petra, un'altra sorpresa nella Scatola Magica

Petra, un'altra sorpresa nella Scatola Magica

Terzo successo a Madrid per Petra Kvitova: in finale ha avuto bisogno di quasi tre ore per battere un'orgogliosa Kiki Bertens. L'olandese ha avuto più di una chance in avvio di terzo set, poi ha pianto in conferenza stampa. “Ero esausta, non mi aspettavo di resistere” dice la Kvitova, che sale al n.2 della Race to Singapore.

Occhio Madrid, Berlino ci crede sul serio

Occhio Madrid, Berlino ci crede sul serio

Martedì scorso, una delegazione tedesca si è recata alla Caja Magica per discutere con gli organizzatori di una possibile offerta per trasferire il torneo da Madrid a Berlino. Noi ci eravamo già accorti di un possibile asse con la Germania. Tsobanian: “Vogliamo restare a Madrid, ma il rinnovo deve essere di almeno 10 anni”.

La rivoluzione canadese di Shapovalov

La rivoluzione canadese di Shapovalov

Primo risultato di rilievo per Denis Shapovalov sulla terra battuta: il baby canadese batte il connazionale Milos Raonic con una prestazione pressoché perfetta. “Sto ancora imparando a giocare sulla terra: adesso penso a migliorare, ma tra qualche anno voglio essere un candidato per il Roland Garros”.

Nole, si fa dura: “Non è la fine del mondo”

Nole, si fa dura: “Non è la fine del mondo”

Altra sconfitta per il serbo, battuto in tre set da Kyle Edmund. “Ha avuto un po' di fortuna, ma anche il giusto coraggio al momento giusto”. Il serbo prova a prendere con filosofia la sconfitta, si dice soddisfatto dei progressi, ma certe affermazioni preoccupano. Parla di “preghiere” pensando al suo livello di gioco e ringrazia per aver già vinto tanto.

La nuova Davis si potrebbe giocare a Madrid

La nuova Davis si potrebbe giocare a Madrid

Prosegue il lavoro di Gerard Piqué: il difensore del Barcellona vuole farsi trovare pronto se la riforma della Davis dovesse passare. Sembra che diverse federazioni, inizialmente contrarie, stiano iniziando ad appoggiare il progetto. E già si parla della possibile sede: tramontata Indian Wells, in prima fila Parigi e (soprattutto) Madrid.

Tiriac all'attacco: “Voglio riportare la terra blu a Madrid”

Tiriac all'attacco: “Voglio riportare la terra blu a Madrid”

Il patron del Mutua Madrid Open è convinto che riproporre la terra blu sarebbe una mossa vincente. “Nel 2012 siamo stati sfortunati, ma il campo non era scivoloso a causa del colore. Il problema è che nel tennis ci sono troppe sigle”. Le trattative sono in corso. Il torneo resterà a Madrid (almeno) fino al 2021.

Federer si ritira da Madrid

Federer si ritira da Madrid

Il torneo spagnolo perde uno dei suoi pezzi più pregiati. Federer non si è allenato in questi giorni per via di un problema alla schiena. Assicura la sua partecipazione a Roma ... da Madrid, FABRIZIO SALVI

Murray in trionfo a Madrid

Murray in trionfo a Madrid

Andy incamera il secondo titolo consecutivo sulla terra battuta. In finale Nadal collassa e dopo dieci anni esce dai top 5 ... di FEDERICO MARIANI

Kvitova pazzesca "encanta" Madrid

Kvitova pazzesca "encanta" Madrid

Dopo aver annichilito Serena Williams in semifinale, oggi la ceca concede il bis rifilando un secco 6-1 6-2 alla Kuznetsova... di GIORGIO VALLERIS

Madrid, l'onestà di Nadal

Dopo la vittoria in finale a seguito del forfait di Nishikori, il numero uno del mondo ammette...

Sharapova piega Li in rimonta

Sharapova piega Li in rimonta

La russa supera la numero due del mondo per 2-6 7-6 6-3 e vola in semifinale dove affronterà Agnieszka Radwanska... di GIORGIO VALLERIS

Errani e Vinci salutano Madrid

Errani e Vinci salutano Madrid

Sara e Roberta eliminate negli ottavi di finale: la romagnola dalla francese Garcia, la pugliese da Agnieszka Radwanska ...

Vinci non sbaglia, Wozniacki battuta

Vinci non sbaglia, Wozniacki battuta

Roberta Vinci conquista gli ottavi di finale del WTA di Madrid e lo fa battendo in due set la danese Caroline Wozniacki ...

Federer, forfait a Madrid

Federer, forfait a Madrid

Dopo Djokovic, il Masters 1000 iberico perde anche Roger che desidera stare vicino alla moglie in vista del parto. Forti dubbi sulla presenza dello svizzero anche per Roma ... di FABIO BAGATELLA

Madrid "adotta" Rafa Nadal

Madrid "adotta" Rafa Nadal

L'Amministrazione madrilena consegna al numero uno del mondo la cittadinanza onoraria e lui tenta il poker dopo i successi 2005,2010 e 2013... di GIORGIO VALLERIS

Djokovic, forfait a Madrid

Djokovic, forfait a Madrid

Il serbo numero due del mondo si ritira dal torneo iberico prima ancora di scendere in campo per il dolore all'avambraccio destro. Cercherà di essere in campo a Roma...

Serena vuole il tris a Madrid

Serena vuole il tris a Madrid

Sorteggiato il tabellone della competizione spagnola nella quale rientrerà la numero uno del mondo, vincitrice delle ultime due edizioni. Quattro le azzurre al via... di GIORGIO VALLERIS