RICCARDO PIATTI, Il MECCANICO DEI CAMPIONI / PARTE II

RICCARDO PIATTI, Il MECCANICO DEI CAMPIONI / PARTE II

Figlio di un imprenditore tessile comasco, ha sempre preferito il tennis. Buon seconda categoria, è diventato il miglior coach italiano di sempre. Ha allenato Furlan, Caratti, Camporese, Ljubicic, Djokovic, Gasquet, Raonic, adesso Coric. Senza considerare le decine di coach che ha formato. Un’avventura cominciata quando il maestro di Villa d’este si è rotto un femore

RICCARDO PIATTI, IL MECCANICO DEI CAMPIONI / PARTE I

RICCARDO PIATTI, IL MECCANICO DEI CAMPIONI / PARTE I

Figlio di un imprenditore tessile comasco, ha sempre preferito il tennis. Buon seconda categoria, è diventato il miglior coach italiano di sempre. Ha allenato Furlan, Caratti, Camporese, Ljubicic, Djokovic, Gasquet, Raonic, adesso Coric. Senza considerare le decine di coach che ha formato. Un’avventura cominciata quando il maestro di Villa d’este si è rotto un femore

FEBBRAIO 2019 IN EDICOLA

FEBBRAIO 2019 IN EDICOLA

Cover dedicata a Lorenzo Musetti, il vincitore dell’Australian Open junior. Federico Ferrero è andato a casa di Riccardo Piatti, il Meccanico dei Campioni. E poi l’Aussie Open, l’intervista al capo degli arbitri Gayle Bradshaw, i test Wilson, Babolat e Head.

NEXT GEN ITALIA: JANNIK SINNER

NEXT GEN ITALIA: JANNIK SINNER

È tra le migliori promesse del nostro tennis: nato in Alto Adige, a 14 anni si è trasferito a Bordighera per lavorare col team di coach Riccardo Piatti. Il paragone con Andreas Seppi è inevitabile, le ambizioni uguali, forse ancora maggiori: «Voglio arrivare molto in alto. E so di avere le qualità per riuscirci»

JANNIK SINNER: OBIETTIVO TOP 10

JANNIK SINNER: OBIETTIVO TOP 10

Jannik Sinner si è affidato alle cure del Team Piatti a Bordighera per diventare un professionista. Perché gli obiettivi sono chiari e ambiziosi. Come ci ha spiegato il suo coach, Andrea Volpini

Fabbiano sprinta, ma l'illusione dura un set

Fabbiano sprinta, ma l'illusione dura un set

Il pugliese parte forte e vince il primo set. il suo sprint, tuttavia, equivale alla velocità di crociera del croato che lo travolge nei restanti set, per la soddisfazione di Riccardo Piatti. L’Italtennis chiude la tornata dei secondi turni con tre uomini e una donna agli sgoccioli della prima settimana.

Semplicemente il Palpa, «il più forte di tutti»

Semplicemente il Palpa, «il più forte di tutti»

Poteva diventare un fuoriclasse. Lo dicono tutti quelli che l'hanno incrociato, da Panatta a Bertolucci, da Nargiso a Canè. Invece Roberto Palpacelli, classe 1970, è finito nel tunnel più buio, quello della droga e dell'alcol. La carriera da professionista non è mai cominciata, ma ora sta provando a ricostruirsi una vita lontano dai suoi demoni.

Semplicemente il Palpa, «il più forte»

Semplicemente il Palpa, «il più forte»

Poteva diventare un fuoriclasse. Lo dicono tutti, da Panatta a Bertolucci, da Nargiso a Canè. Invece Roberto Palpacelli, classe 1970, è finito nel tunnel più buio, quello della droga e dell'alcol, ma ora sta provando a ricostruirsi una vita lontano dai suoi demoni. A partire dal treno delle 5 del mattino...

I campioni “benedicono” il Piatti Tennis Center

I campioni “benedicono” il Piatti Tennis Center

Ufficialmente inaugurato a Bordighera il Piatti Tennis Center, dove il coach italiano più vincente di sempre ha stabilito il proprio quartier generale: c'erano tutti: Ljubicic, Raonic, Coric, Ivanisevic, Thiem e persino il presidente ATP Kermode. “Eccellenza” e “lavoro duro” le parole chiave del progetto.

Borna Coric e il coraggio di cambiare

Borna Coric e il coraggio di cambiare

Lo scorso dicembre, in un colpo solo Borna Coric ha cambiato base, allenatore, preparatore atletico, fisioterapista e manager, scegliendo Bordighera, il Team Piatti e Ivan Ljubicic. Una scelta azzardata per un giocatore fra i primi 50 del mondo, ma che sta pagando. A Indian Wells il 21enne di Zagabria sta mostrando una forma straripante.

Anche l’Italia ha il suo «Jimbo»

Anche l’Italia ha il suo «Jimbo»

I polpacci del padre calciatore, il carattere deciso dalla madre e una volontà di ferro, necessaria per raggiungere obiettivi importanti. A 20 anni Gianmarco Moroni sta iniziando a farsi vedere a livello Challenger, accompagnato dall'esperienza di Riccardo Piatti e da un sogno (quasi) inconfessabile. Tecnica e attitudine sembrano quelle giuste: il romano è una delle speranze del prossimo futuro del tennis italiano.

Raonic tenta anche la carta Ivanisevic

Raonic tenta anche la carta Ivanisevic

All'angolo di Milos Raonic arriva l'ennesimo supercoach: a Indian Wells e Miami prova a lavorare con Goran Ivanisevic, per poi decidere se iniziare una collaborazione. Ma più che la guida tecnica, il suo problema è il fisico di cristallo. Lo scorso anno ha giocato a singhiozzo e nel 2018 ha vinto un solo match, scivolando al numero 38 del mondo. E pensare che due anni fa sembrava pronto a vincere uno Slam...

Ivan Ljubicic e la capacità di ascoltare

Ivan Ljubicic e la capacità di ascoltare

Non ancora 40enne, Ivan Ljubicic è considerato uno dei migliori coach al mondo in virtù dei risultati ottenuti con Milos Raonic e con Roger Federer. In un'intervista con l'ATP, svela le qualità necessarie per essere un buon allenatore. “Bisogna mettere da parte il proprio ego e saper ascoltare il giocatore. Inoltre, capire quando bisogna parlare e quando è meglio restare in silenzio”.

Napolitano e gli altri baby moschettieri

Napolitano e gli altri baby moschettieri

Nel 2017, il biellese ha perso una quarantina di posizioni: "Ma ho imparato tanto e ho raggiunto i picchi della mia carriera". Forte di un lavoro di qualità presso l'accademia di Piatti, sta giocando un ottimo torneo a Bergamo. Insieme a Sonego, Quinzi e Berrettini rappresenta il futuro del nostro tennis.

Borna Coric sceglie Piatti, Ljubicic e… l’Italia

Borna Coric sceglie Piatti, Ljubicic e… l’Italia

A poco più di un mese dall’addio a Milos Raonic, ecco un nuovo big per Riccardo Piatti, che dal 2018 lavorerà con Borna Coric. Dopo aver provato i servizi e lo staff del nuovo Piatti Tennis Center di Bordighera, il croato ha deciso che si tratta della soluzione ideale per il suo futuro. E i cambiamenti non sono finiti: il suo nuovo manager è Ivan Ljubicic.

È Piatti-mania: parata di star a Bordighera

È Piatti-mania: parata di star a Bordighera

Nelle ultime due settimane i campi del nuovo Tennis Center di Riccardo Piatti a Bordighera hanno ospitato Novak Djokovic (con Andre Agassi), Stan Wawrinka, Tomas Berdych, Viktor Troicki, Borna Coric e altri big del tennis. Sono i primi successi simbolici di un progetto ambizioso, che può regalare all'Italia uno dei poli per l'allenamento più importanti d'Europa.

Piatti lascia Raonic: «cerco altre sfide»

Piatti lascia Raonic: «cerco altre sfide»

Il tecnico comasco ha comunicato la fine della collaborazione con Milos Raonic, iniziata quattro anni fa. Insieme a Piatti, il canadese è giunto al n. 3 ATP e in finale a Wimbledon. "Percorso incredibile, ma è giunta l'ora di intraprendere nuove sfide", ha scritto Piatti, che ha appena inaugurato la sua nuova accademia a Bordighera.

Gli altri vanno e vengono, Piatti resta. Ed elogia McEnroe.

Gli altri vanno e vengono, Piatti resta. Ed elogia McEnroe.

In una breve chiacchierata telefonica con SuperTennis TV, il 58enne comasco ha fatto il punto sulla situazione del suo assistito Milos Raonic, che ha chiuso l’anno col best ranking al numero 3 ATP. “Stagione positiva: Milos è cresciuto e ha maturato tanta esperienza”.

Raonic “scarica” Moya: lavorerà solo con Piatti?

Raonic “scarica” Moya: lavorerà solo con Piatti?

La miglior stagione della sua carriera, chiusa da numero 3 del mondo, non è bastata a convincere Milos Raonic a proseguire la collaborazione con Carlos Moya. “Mi ha aiutato in maniera enorme”, ha scritto il canadese sui social. Fra un mese scatta la nuova stagione: Moya verrà sostituito da un nuovo super-coach?

Raonic sceglie Moya come coach

Raonic sceglie Moya come coach

Milos Raonic inizia il 2016 con un nuovo coach: l'ex numero uno Carlos Moya ... di SARA MONTANELLI

Piatti a Magauda, il BLTC: "ci saremo"

Piatti a Magauda, il BLTC: "ci saremo"

Il più antico club d'Italia affiancherà il progetto di Riccardo Piatti, prossimo a costruire ex-nuovo una sua base a Bordighera...

BLTC: c'è il team Piatti

BLTC: c'è il team Piatti

Settimane cariche di impegni al Bordighera Lawn Tennis Club 1878, che, oltre alla scuola tennis, ripartita con numeri importanti, sta ospitando gli stage di Riccardo Piatti, a caccia di futuri campioni...

Piatti e Sartori al BLTC

Piatti e Sartori al BLTC

Tre giorni di stage per numerosi giovani a Bordighera, con i due super-coach italiani, aiutati dal prezioso lavoro del videoanalista Danilo Pizzorno...

BLTC: che torneo di Natale!

BLTC: che torneo di Natale!

Professionisti e soci insieme in doppio del torneo di Natale del Bordighera Lawn Tennis Club 1878, uno dei gioielli di panorama italiano...

Gasquet, 'matrimonio' con Bruguera

Gasquet, 'matrimonio' con Bruguera

Terminata la collaborazione con Riccardo Piatti, il tennista francese si affida al coach iberico due volte campione del Roland Garros... di GIORGIO VALLERIS