JANNIK SINNER ESALTA IL FORO ITALICO

JANNIK SINNER ESALTA IL FORO ITALICO

A diciassette anni, Jannik Sinner supera il primo turno al Masters 1000 di Roma (e al prossimo affronterà Stefanos Tsitsipas) e si conferma il baby fenomeno del tennis azzurro, mostrando un bel tennis e la giusta mentalità. Il coach che lo ha scoperto ci ha raccontato la sua storia: "Aveva 13 anni e giocavamo su un campo a Ortisei..."

JANNIK SINNER, IL PREDESTINATO

JANNIK SINNER, IL PREDESTINATO

Diciassette anni, è il nuovo baby fenomeno del tennis azzurro, capace di vincere un torneo Challenger importante come quello di Bergamo, mostrando un bel tennis e la giusta mentalità. Ci siamo fatti raccontare la sua storia da chi l’ha scoperto, a 13 anni, giocandoci insieme su un campo a Ortisei...

Cantare la «Next Gen»: la sfida di féfe

Cantare la «Next Gen»: la sfida di féfe

Come figlia di Massimo Sartori, storico coach di Andreas Seppi, ha vissuto tante emozioni sui campi di mezzo mondo. Ora prova a regalarle come autrice e cantante, grazie a un’energia contagiosa. Il suo singolo I’ll Be The One sarà la colonna sonora delle Next Gen ATP Finals. Perché tennis e musica possono avere molto in comune.

A lezione dai pro? Con Tennisolver si può

A lezione dai pro? Con Tennisolver si può

Nasce TenniSolver.it, il primo sito web tennistico in Italia ad offrire la possibilità a tutti i giocatori e agli appassionati di ricevere consulenze da coach internazionali, da giocatori ATP/WTA e dai maggiori esperti di tecnica e di tutti gli aspetti che ruotano attorno al mondo della racchetta: tattica, nutrizione, prevenzione, riabilitazione, preparazione fisica e mentale.

Bastava il primo punto ATP per capire tutto

Bastava il primo punto ATP per capire tutto

Nell’incredibile cavalcata che l’ha portato in semifinale al Roland Garros, di Marco Cecchinato hanno sorpreso la personalità e la determinazione. Qualità che, scavando nei ricordi, si vedevano già anni addietro, quando i nomi sul taccuino dei tecnici erano altri. Non è arrivato nessuno, mentre lui sì, prendendo (quasi) tutte le decisioni giuste.

La missione dei coach "pro" (Parte 2)

La missione dei coach "pro" (Parte 2)

Quello dei coach di professione è un mestiere per nulla semplice, simile a una vocazione, perché per raggiungere risultati apprezzabili è necessaria una dedizione totale ai propri giocatori. Le soddisfazioni possono essere enormi, ma lo sono anche i sacrifici di una vita da globetrotter. Come la precarietà di un lavoro che offre poche garanzie.

La missione dei coach "pro" (Parte 1)

La missione dei coach "pro" (Parte 1)

Quello dei coach di professione è un mestiere per nulla semplice, simile a una vocazione, perché per raggiungere risultati apprezzabili è necessaria una dedizione totale ai propri giocatori. Le soddisfazioni possono essere enormi, ma lo sono anche i sacrifici di una vita da globetrotter. Come la precarietà di un lavoro che offre poche garanzie.

Le ultime cartucce di Andreas Seppi

Le ultime cartucce di Andreas Seppi

Dal rapporto con coach Sartori a quello con papà Hugo, dalla scommessa lanciata da Alexander Vorhauser a quanto l’ha cambiato il matrimonio con Michela. Ottantadue minuti a cuore aperto con Andreas Seppi, per parlare di presente, passato e un futuro che (dice) difficilmente sarà nel tennis.

Fognini-Seppi con gli occhi di Max Sartori

Fognini-Seppi con gli occhi di Max Sartori

Ci siamo sempre chiesti come un coach viva un match delicato di un suo giocatore, e grazie alla disponibilità di Massimo Sartori vi raccontiamo il derby Fognini-Seppi del Roland Garros seguito da un posto super-privilegiato. Fra tattiche di gioco, indicazioni, consigli e speranze. Ride Fognini che passa in tre set e si prende il big-match con Wawrinka, ma il vero Seppi dovrebbe rivedersi già sull'erba.

Tutti con Fabio: per l'Italia è favorito

Tutti con Fabio: per l'Italia è favorito

Al Foro Italico sarà mezzogiorno di fuoco: per la temperatura degli ultimi giorni e per il super match fra Fabio Fognini e Alexander Zverev. Abbiamo provato a capire che incontro sarà con l’aiuto di due superesperti: Massimo Sartori e Davide Sanguinetti. Secondo entrambi il favorito è Fognini. E “Max” punta in altissimo: “Fabio può arrivare in fondo”.

La finale delle finali

La finale delle finali

PAROLA DI MAX - Che Federer-Nadal ci aspetta? L'abbiamo chiesto a Massimo Sartori, coach di Andreas Seppi, l'unico italiano capace di battere sia Roger sia Rafa. "Sarà una sfida diversa rispetto a quelle del passato, e la tattica di Nadal non funzionerà come un tempo. Vincerà chi sarà riuscito a recuperare meglio dalla semifinale, e io prendo... Federer!"

Piatti a Magauda, il BLTC: "ci saremo"

Piatti a Magauda, il BLTC: "ci saremo"

Il più antico club d'Italia affiancherà il progetto di Riccardo Piatti, prossimo a costruire ex-nuovo una sua base a Bordighera...

Seppi, 11 anni da top 100

Seppi, 11 anni da top 100

Il Bordighera Lawn Tennis Club festeggia gli undici anni da top 100 di Andreas Seppi, record per un giocatore italiano...

Sartori racconta l'ascesa di Bordighera

Sartori racconta l'ascesa di Bordighera

Al quarto anno nel più antico Tennis Club d'Italia, il coach di Andreas Seppi racconta la sua esperienza, fra passato, presente e progetti futuri...

BLTC: ecco Seppi

BLTC: ecco Seppi

Il club della riviera ligure ha accolto il numero 2 d'Italia, ormai habituè del circolo. Seppi si fermerà a Bordighera per quattro settimane, a lavorare duro in vista del 2015...

Piatti e Sartori al BLTC

Piatti e Sartori al BLTC

Tre giorni di stage per numerosi giovani a Bordighera, con i due super-coach italiani, aiutati dal prezioso lavoro del videoanalista Danilo Pizzorno...

Seppi e Bordighera, binomio vincente

Seppi e Bordighera, binomio vincente

"La città e il circolo sono l'ideale per allenarsi". Parola del numero uno d'Italia Andreas Seppi, che da un paio d'anni ha fissato sulla riviera ligure la sua base per gli allenamenti con coach Sartori